Il Genio di Wattpad

Qualcuno ha detto che la scrittura è tra tutte le arti quella più potente.

C’è anche il detto che dice: “Ne ferisce più la penna che la spada”.

Ma è davvero così? O nell’epoca dei social network la scrittura è scivolata in secondo piano?

Dalle recenti statistiche l’assiduo frequentatore dei Social non dedica più di qualche secondo a leggere un post, preferisce una comunicazione più immediata che è quella delle immagini, o meglio ancora dei video.

Una modo di comunicare più veloce, che arriva dritta al punto!

Dei signori, nel 2006 a Toronto, forse un po’ pazzi, forse dei visionari; o secondo me gente che ci ha visto lungo😏 hanno voluto scommettere ancora una volta sulla scrittura e si sono inventati un social network tutto da leggere: WATTPAD.

Ci hanno fatto un sito internet e poi un’applicazione che gira benissimo sia su IOS che su ANDROID.

13 miliardi di minuti spesi in lettura sulla piattaforma ogni mese. Più di mezzo miliardo di storie caricate ogni singolo giorno. Leader mondiale della misurazione dell’audience sul web, le persone  passano più tempo qui sopra che su Candy Crush o Snapchat.

L’iscrizione ovviamente è gratuita, e funziona un po’ come Instagram: l’utente oltre a condividere foto e video, può postare dei veri e propri componimenti; che siano poesie, racconti brevi, o romanzi a puntate, poco importa. L’importante è la creatività! O se vogliamo dirlo con lo stesso linguaggio di Wattpad, per leggere e condividere storie che amerai!

Chi mi conosce bene, sa quanto impegno ci metto nella scrittura. Quando ho iniziato a scrivere per prima cosa sono rimasta affascinata dal mondo del Self-publishing. Cosa c’è di meglio che scrivere un romanzo e pubblicarlo Immediatamente?

Poi però, con la mia seconda opera, ho voluto tentare la strada dell’editoria tradizionale. Insomma, come fai a chiamarti scrittore se un editore non decide di pubblicarti?

Ma Wattpad è un’altra cosa! Lo trovo geniale.

Dal momento che inizia il processo creativo di un romanzo, hai la possibilità di postarlo e farlo leggere a milioni di persone. Ma non solo, quelle stesse persone possono commentare, darti delle dritte, farti notare dei dettagli ai quali tu proprio non avevi pensato.

Quindi, per farla breve, ho deciso di sperimentare questo nuovo modo di scrivere.

Mi rivolgo a voi cari lettori che seguite il mio blog e la mia pagina con entusiasmo: leggendo il passaggio di un romanzo non vi sarebbe piaciuto dire qualcosa all’autore?

Con Wattpad ora potete farlo.

In qualsiasi momento della lettura potete fermarvi e lasciarmi un messaggio proprio in quel preciso punto che vi ha colpito, o che vi ha deluso😞. Da oggi potete trovare su WATTPAD le mie nuove storie, che sono in fase di lavorazione.

Allora non siate timidi, fatevi sentire!

Non mi resta che augurarvi una

😜😜Buona lettura a tutti!

C’era una volta

C’era una volta

Dalle poesie di Angelicah

C’era una volta la visione serena di una bambina felice

che giocava e non era mai stanca

e solo quando udiva il richiamo famigliare di sua madre tornava alla realtà della sua casa.

C’era una volta la libertà di giocare all’aria aperta

nei cortili arroventati dal sole di agosto

e si rimaneva in attesa dell’arrivo della fresca pioggia che ci ricordava la fine dell’estate.

C’erano una volta gli adulti che aspettavano la festa del paese per tornare ancora bambini

Intenti a cercare il ricordo del tesoro più grande: l’amicizia.

C’era una volta una bambina che sapeva usare la fantasia

oggi c’è una donna che vuole rievocare i fantastici mondi della sua infanzia.

Opera tutelata dal plagio su http://www.patamu.com con numero deposito 77070.

La Guerra

LA GUERRA

Dalle Poesie di Angelicah

Distesa su un prato verde

Sto guardando il cielo azzurro

Ogni tanto passa qualche nuvola serena

Il vento soffia

Si sente il profumo dei fiori

Chiudo gli occhi

Un bambino piange

È la voce del mondo che chiede aiuto

Li riapro

Mi trovo in una città distrutta dalle bombe

In lontananza si odono voci

Che si mischiano al rumore degli spari

Il cielo adesso non è più azzurro

Ma è rosso come il sangue

E sembra soffrire di questa miseria

Il prato verde è scomparso

Come il profumo di primavera

Niente ora non c’è niente

Solo morte e distruzione

 

Opera tutelata dal plagio su www.patamu.com con numero deposito 74408

L’AQUILA

L’AQUILA

Dalle poesie di Angelicah

L’Aquila vola libera nel cielo

È padrona del vento

È forte

E ogni animale che la vede scappa

Perché sa di non poter vincere contro di lei

Ora però l’aquila non è più la regina

C’è un altro animale più forte di lei è l’uomo

Che non ha il coraggio di affrontarla nel cielo

Dove lei è maestra

Le spara vigliacco alle ali

L’Aquila che non può niente contro il fucile

Cade a terra e muore.

Opera tutelata dal plagio su www.patamu.com con numero deposito 74408

La casetta di mattoncini colorati

LA CASETTA DI MATTONCINI COLORATI

Dalle poesie di Angelicah

C’è una casetta in un paesino

Si trova proprio vicino ad un piccolo ruscello

Sembra un mulino perché ha la ruota

Che gira e gira sempre

Ma non lo è

È una casetta di mattoncini colorati

Davanti c’è una porticina

Piccola porticina con piccola finestrella

Questa casetta è così piccina

Che quando la gente le passa davanti

Non ci fa nemmeno caso

Se chiedi alle persone del paesino

Perché è lì o chi ci abita

Nemmeno ti rispondono o se lo fanno

Di certo non sanno neanche di cosa stanno parlando

Forse anche loro non ci hanno mai fatto caso

È così piccola

La casetta di mattoncini colorati.

Opera tutelata dal plagio su www.patamu.com con numero deposito 74408